LA DONNA CHE VISSE DUE VOLTE (Capolavori)


Clicca per votare questo film!
[Voti: 5 Media: 4.8]

L’agente di polizia, John “Scottie” Fergus (James Steward), durante un inseguimento sui tetti dei grattacieli di San Francisco, ha un incidente: resta aggrappato ad un cornicione, soffre di vertigini e rimane

La donna che visse due volte Locandina e Recensione

La donna che visse due volte Locandina e Recensione

completamente paralizzato dalla paura. Un suo collega, nel tentativo di salvarlo, precipita nel vuoto e muore. Questo tragico evento cambia la vita di Scottie che lascia la polizia. Un suo ex compagno di college, ricco costruttore navale, Galvin Elster, gli chiede di assumere l’incarico di vigilare sulla sua bellissima moglie Madeleine (Kim Novak), la quale, da qualche tempo ha degli atteggiamenti molto particolari, strane ossessioni, incline al suicidio. Il marito teme che stia diventando pazza. La donna crede di essere la reincarnazione della bisnonna materna, Carlotta Valdes, la quale, abbandonata dall’amante e privata della figlia nata dalla loro relazione, muore suicida a 26 anni, la stessa età di Madeleine. Scottie è scettico, esitante, ma quando Elster gli mostra Madeleine rimane folgorato e accetta l’incarico….

Idea Centrale

Si mescolano, in un incastro perfetto, il racconto d’amore, la trama gialla e il viaggio nei misteri della psicanalisi.

Analisi

Tratto da un romanzo di una coppia di giallisti francesi, Boileau e Narcejac, è uno dei film più inquietanti del regista, sempre in bilico fra erotismo e necrofilia. Kim Novak che pure è un’attrice sensibile, per volontà del regista qui rimane indecifrabile, distaccata, priva quasi di ogni componente sessuale. I due protagonisti non potranno coronare il loro amore perchè per il “cattolicissimo” Hitchcock il delitto, a cui ha partecipato Judy, resta un ostacolo insormontabile.
 

Note e Curiosità

Il regista compare mentre passeggia con la custodia di una tromba in mano. Celebre la scena in cui Stewart guarda in basso dalle scale del campanile: l’effetto “soggettivo” delle vertigini fu realizzato con una carrellata indietro con una zoomata in avanti. (Da “201 Capolavori secondo la critica” di Gaetano Sandri)

LA SCHEDA DE LA DONNA CHE VISSE DUE VOLTE (Vertigo)

Regista: Alfred Hitchcock – Cast: James Stewart, Kim Novak, Barbara Bel Geddes, Tom Helmore, Henry Jones, Raymond Bailey, Ellen Corby, Konstantin Shayne, Lee Patrick, Paul Bryar – Fotografia: Robert Burks – Sceneggiatura: Alec Coppel, Samuel A. Taylor – Musica: Bernard Herrmann – Genere: Noir – Anno: 1958 – Paese: USA – Durata: 2h 8 min – Distribuzione: Paramount Pictures – Data di uscita: 22 gennaio 1959 (Italia)

Lascia un Commento