HOLLYWOOD PARTY – recensione capolavoro


Clicca per votare questo film!
[Voti: 4 Media: 5]

“Hollywood Party” Recensione. Dopo aver distrutto, per insipienza o inaccortezza, il set del film in cui deve fare solo la comparsa (una specie di remake di Gunga Din), l’attore di origine indiana

Hollywood Party Recensione Locandina

Hollywood Party Recensione Locandina

  Hrundi V. Banshi (Sellers) viene invitato per sbaglio alla festa che dà il boss (McKinley) di cui ha appena “sabotato” il film: impacciatissimo e imbranato commetterà mille gaffe…

Idea Centrale

Sellers ripropone un personaggio inventato per la tv inglese (quello dell’involontario perturbatore della quiete) e Edwards lo usa al meglio per ridicolarizzare il mondo che aborre della Hollywood ricca e fasulla.

Recensione

Una sequenza ininterrotta di gag devastanti, orchestrate con un crescendo magistrale, praticamente in unico ambiente. Se Edwards smaschera ditetro la comicità primordiale l’orrore e la vacuità della società dello spettacolo, Sellers rinuncia al fregolismo che caratterizza gran parte dei suoi film per concentrarsi su un unico personaggio, un seminatore di caos e di distruzione, che è allo stesso tempo un alieno gentile, emblema di poetica e fragile diversità. Costruito come un omaggio ma anche una fililiazione delle vecchie farse burlesche, il film (sceneggiato dal regista con Tom e Frank Waldman) sfrutta al meglio l’attesa della catastrofe che un personaggio come Bakshi innesca, non senza un pò di spirito sadico, e poi la sviluppa con una calcolata “lentezza” (sublime la gag del bisogno di far pipì che l’esibizione di un ospite alla chitarra impedisce di soddisfare). Proprio questa “lentezza” può sembrare datata a qualche spettatore troppo giovane e troppo debitore verso il ritmo sincopato della Mtv, ma se si riesce a farsi coinvolgere dalla logica inarrestabilmente catastrofica del film, non si smette più di ridere. Indimenticabile anche il personaggio del camerire (Franken) che si scola i drink rifiutati dagli ospiti.

Note e Curiosità

L’automobile guidata dal personaggio di Peter Sellers, Hrundi V. Bakshi, è una “Morgan Tre Ruote”, ovvero un autociclo degli anni venti costruito dalla Morgan e appartenente alla serie Three-Wheelers. (La Recensione di “Hollywood Party” di Blake Edwards è tratta da “Il Mereghetti – Dizionario dei Film ed. 2002” di Paolo Mereghetti)

Hollywood Party” di Blake Edwards è disponibile in Streaming su

Peter Sellers in una foto tratta da “Hollywood Party” di Blake Edwards – Recensione

LA SCHEDA DE “HOLLYWOOD PARTY” (The Party)

Regista: Blake Edwards Cast: Peter Sellers, Claudine Longet, Natalia Borisova, Jean Carson, Marge Champion, Corinne Cole, Al Checco, Dick Crockett, Frances Davis, Danielle De Metz, Stanley Herb Ellis, Steve Franken, Kathe Green, Allen Jung, Stephen Liss, James Lanphier, Buddy Lester, Jerry Martin, Sharron Kimberly – Fotografia: Lucien Ballard – Sceneggiatura: Blake Edwards, Tom Waldman, Frank Waldman – Musica: Henry Mancini – Genere: Comico – Anno: 1968 – Paese: USA – Durata: 1h 38 min. – Distribuzione: MGM – Data di uscita: 4 aprile 1968 (USA)

HOLLYWOOD PARTY – TRAILER

Lascia un Commento