– BLACK PANTHER: WAKANDA FOREVER recensione


Clicca per votare questo film!
[Voti: 3 Media: 2]
Il nostro voto

Black Panther Wakanda Forever Recensione. La recensione del film “Black Panther: Wakanda Forever” di Mirko Nottoli. Wakanda Forever, Wakanda per sempre, ecco forse spiegate le due ore e quaranta di durata, forse volevano che Wakanda forever non finisse mai, che durasse per sempre, letteralmente. Ad un certo

Black Panther Wakanda Forever Recensione Poster

Black Panther Wakanda Forever Recensione Poster

punto l’abbiamo temuto che continuasse in eterno, ci siamo anche appisolati, siamo andati un paio di volte in bagno, complice la sala ghiacciata perchè si sa che il riscaldamento ormai costa, abbiamo fatto un giro al bar mentre la pellicola scorreva imperterrita anche senza di noi, poi finalmente i titoli di coda sono giunti, le luci si sono accese, ci siamo ridestati un po’ sorpresi come nel finale di Inception e siamo potuti tornare a casa, a notte ormai fonda. No, non siamo fan di Black Panther, non siamo tra quelli che considerano il primo Black Panther il miglior film di supereroi, siamo anzi convinti che fu candidato all’Oscar esclusivamente per pacchianissime motivazioni politiche. Black Panther a ben vedere è un film ricattatorio, uno di cui, coi tempi che corrono, non si può parlar male, pena: accusa di razzismo seduta stante. In più si è aggiunta anche la dolorosa, quella sì, drammatica e prematura scomparsa, del compianto Chadwick Boseman al quale Wakanda Forever è totalmente dedicato, l’intero film non è che un enorme e sentito tributo alla sua memoria. Sarà per questo che non si è mai vista una rinascita di un eroe tanto sofferta e tanto rimandata al punto che per rivedere Black Panther in azione bisogna aspettare due ore, al punto da dire che Wakanda Forever è una film di supereroi senza supereroi. Se l’esistenza sul pianeta Terra di una Nazione segreta e potentissima dotata di vibranio vi sembrava poco, qui scopriamo che ce n’è anche un’ altra, è posta sott’acqua, in soldoni è il regno di Atlantide, con a capo Aquaman (per la prima volta assistiamo ai Marvel che copiano i Dc e non viceversa. Eh, ma i fumetti? Sì, sì, ok) ma popolato dai protagonisti di Avatar. Aquaman nel timore che i terrestri invadano Atlantide per impossessarsi del vibranio chiede ai wakandiani di allearsi con lui, se non accettano verranno annientati. Parola di lupetto. Evidentemente tra i vari superpoteri Aquaman non possiede la superlogica. E in mezzo a questo scontro di popolazioni su chi ha il vibranio più grosso, noi spettatori terrestri che parte dovremmo recitare? Nessuna, infatti assistiamo abbastanza inerti. Ma come? E il colonialismo, l’ingerenza americana, lo sfruttamento dei paesi poveri da parte dell’occidente (ma la Cina mai?), le discriminazioni razziali? Temi sacrosanti peccato che non ci siano perchè qualla di Aquaman è una guerra preventiva, è un processo alle intenzioni, probabili ma ancora inattuate. Non aiuta alla partecipazione nemmeno il fatto che i protagonisti siano tutti antipatici e arroganti. Tra i vari problemi che riscontriamo nel mondo dei supereroi c’è quello di una concentrazione improbabile di geni. Il mondo dei supereroi è pieno di geni. Stark è un genio, Banner è un genio, Parker è un genio, Doctor Strange è un genio, la principessa di Wakanda è un genio anche lei e anche la studentessa di 19 anni, ovviamente nera, che con un cacciavite in mano fa miracoli e per un compito in classe costruisce un macchinario in grado di rilevare il vibranio. Quando entrambe uniscono le forze e si trovano nel laboratorio super accessoriato di Wakanda per difendersi dall’imminente attacco di Aquaman ecco che comincia una puntata di McGiver e saldatore in resta, una si trasforma in un Power ranger e l’altra sintetizza la pianta magica che fa risvegliare la pantera. Dove i Marvel Studios vogliano andare a parare non l’abbiamo capito. Fino agli Avengers il fine si intravedeva, in questa nuova fase, almeno noi, non ci capiamo niente. Come si integrano loro con gli Eternals? E con Spiderman? E Shang Chi? Chi vivrà vedrà. Back Panther tornerà, ci assicurano. Non sappiamo se gioire. Si capisce l’intenzione in questa nuova fase di affrontare temi più seri in modo più serio, peccato che nei fatti tale ammirevole volontà si traduca in un’adesione passiva all’imperante ideologia “woke” che umilia il libero pensiero e fa della retorica perbenista e politicamente corretta la propria fasulla bandiera, finendo, nel caso specifico, col dare dell’Africa un’immagine folcloristica dove tutti i neri ballano sorridenti con vesti variopinte su ritmi tribali (canta Rihanna). Non seri ma seriosi, che non è la stessa cosa e non a caso fa rima con noiosi e fastidiosi, talmente seriosi, che hanno perfino tolto la scena conclusiva dopo i titoli di coda (e noi imbecilli ad aspettare). (La recensione del film “Black Panther Wakanda Forever” è di Mirko Nottoli)

Una scena del film “Black Panther: Wakanda Forever” di Ryan Coogler – Recensione

LA SCHEDA DEL FILM “BLACK PANTHER: WAKANDA FOREVER” (Black Panther: Wakanda Forever)

Regista: Ryan Coogler – Cast: Angela Bassett, Letitia Michelle Wright, Winston Duke, Danai Jekesai Gurira, Florence Kasumba, Lupita Nyong’o, Tenoch Huerta, Martin Freeman, Dominique Thorne, Michaela Coel, Mabel Cadena – Genere: Azione – Anno: 2022 – Paese: USA – Scenaggiatura: Joe Robert Cole, Ryan Coogler – Fotografia: Autumn Durald Arkapaw – Durata: 2h 41 min – Distribuzione: Walt Disney Studios Motion Pictures – Data di uscita: 9 Novembre 2022 – Il sito ufficiale del film “Black Panther: Wakanda Forever”

Trama: Black Panther: Wakanda Forever, il film Marvel diretto da Ryan Coogler, non vedrà il ritorno del compianto Chadwick Boseman nei panni di T’Challa / Black Panther. Dopo la morte di T’Challa, il regno di Wakanda piange la perdita del suo amato re. Con la dipartita di Black Panther, però, la nazione finisce nel mirino delle potenze mondiali, pronte a invaderla e impossessarsene, ma la vera minaccia non arriverà dalla terra, bensì dal mare. Namor (Tenoch Huerta), il re di Talokan, è pronto a iniziare una guerra contro Wakanda per vedere esteso il suo dominio anche in superficie…

BLACK PANTHER: WAKANDA FOREVER – TRAILER

Lascia un Commento