– GLI SPIRITI DELL’ISOLA film recensione


Clicca per votare questo film!
[Voti: 4 Media: 3.8]
Il nostro voto

Gli spiriti dell’isola Recensione. La recensione del film “Gli spiriti dell’isola” di Claudio Montatori. L’isola di Insherin davanti alle coste occidentali dell’Iralnda è il teatro in cui si svolgono le vicende narrate in questo strano e spiazzante film del regista britannico Martin McDonagh, già autore del magnifico “Tre Manifesti a Ebbing, Missouri”, che tratta con caustica ironia la storia di due amici

Gli spiriti dell'isola Recensione Poster

Gli spiriti dell’isola Recensione Poster

inseparabili che all’improvviso, senza che niente lo avesse presagito, diventano ostili tra loro, e non c’è nessuno che ne possa spiegare la ragione, perché non esiste ragione nella rottura del loro sodalizio se non nel fatto che uno dei due, Colm (interpretato da Brendan Gleeson), decide che il suo vecchio amico Padraic (Colin Farrell) è diventato terribilmente noioso e non vuole più saperne di lui. Quest’ultimo non sa rassegnarsi e reagisce come un fidanzato che non vuole accettare di essere stato abbandonato e si comporta come uno stalker, almeno agli occhi di Colm che non vuole essere più importunato e minaccia atti insulsi che trasformeranno in tragedia la già cupa commedia. Siamo nel 1922 e sulla terra d’Irlanda è in atto una sanguinosa guerra civile della quale ad Insherin si ha coscienza solo perché si odono in lontananza i colpi di cannone. Come tutte le guerre, civili e non, fa risaltare stupidità e violenza come stupidi e violenti sono i motivi e le azioni che nell’isola oppongono Colm a Padriac e a nulla serviranno i tentativi di appianare la discordia da parte della sorella di quest’ultimo, Siobhan (l’ottima Kerry Condon), unico personaggio positivo della vicenda, in grado di trovare una sua strada. Un film di indubbia qualità sulle conseguenze dell’isolamento ma che vuol essere anche un apologo sulla storia dell’Irlanda e in questo caso lascia un po’ perplessi perché avrebbe potuto e forse dovuto essere più esplicito. Ci sono momenti divertenti ma nel complesso il film è intriso di una grande cupezza. Di prestigio comunque le prestazioni di tutti gli attori e in particolare dei due protagonisti, Farrel e Gleeson che avevano già recitato insieme nell’ottimo “In Bruges- La coscienza dell’assassino” film di esordio dello stesso Martin McDonagh. Molti sono i premi ricevuti tra cui la Coppa Volpi a Colin Farrell come miglior attore al festival di Venezia 20022 e molti Golden Globe, 8 candidature a Critics Choice Award, 4 candidature a SAG Awards, premiato a AFI Awards e incassato milioni al botteghino. (La recensione del film “Gli spiriti dell’isola” è di Claudio Montatori)

Una scena del film “Gli spiriti dell’isola” di Martin McDonagh – Recensione.

LA SCHEDA DEL FILM “GLI SPIRITI DELL’ISOLA” (The Banshees of Inisherin)

Regista: Martin McDonagh – Cast: Colin Farrell, Brendan Gleeson, Kerry Condon, Barry Keoghan, Pat Shortt, Gary Lydon, Sheila Flitton, Jon Kenny, David Pearse, Aaron Monaghan – Genere: Drammatico – Anno: 2023 – Paese: Irlanda, Gran Bretagna, USA – Scenaggiatura: Martin McDonagh – Fotografia: Ben Davis – Durata: 1h 54 min – Distribuzione: The Walt Disney Studios – Data di uscita: 2 Febbraio 2023 – Il sito ufficiale del film “Gli spiriti dell’isola”

Trama: Gli Spiriti dell’Isola, il film diretto da Martin McDonagh, è ambientato alla fine della guerra civile irlandese, nel 1923, su un’isola al largo della costa occidentale dell’Irlanda. Racconta la storia di due amici di lunga data, Pádraic Súilleabháin (Colin Farrell) e Colm Doherty (Brendan Gleeson). I due si trovano in una situazione di stallo, dopo che il musicista Colm ha deciso bruscamente di porre fine alla loro amicizia. Pádraic, confuso e devastato, tenta di ricucire il loro rapporto, ma pare che Colm lo trovi improvvisamente troppo noioso e sia intenzionato a trascorre più tempo nella composizione di musica e a fare altre cose di qualità…

GLI SPIRITI DELL’ISOLA – TRAILER

Lascia un Commento