La recensione del film Rogue One A Star Wars Story

.       .

Vai ai contenuti

FILM > RECENSIONI

ROGUE ONE: A STAR WARS STORY - RECENSIONE

Rogue One A Star Wars Story recensione
Recensione

di Mirko Nottoli
[Rogue One A Star Wars Story recensione] - Spin off del sequel che allo stesso tempo anche remake e reboot del sequel del prequel, Rogue one una divagazione, una parentesi, una fuga per la tangente rispetto alla trama principale. Ci mostra ci che gi conosciamo in un modo che non conoscevamo. Dopo il successo planetario de Il risveglio della forza qualcuno deve aver capito che l'universo di Guerre Stellari talmente vasto da consentire di battere sentieri narrativi secondari pressoch sterminati. Nasce cos l'idea di Star Wars Anthology, una serie di film a s stanti afferenti al mondo creato da George Lucas, di cui Rogue one il primo capitolo (al momento ne sono previsti 3). Cronologicamente si posiziona tra Episodio 3 ed Episodio 4 ed , da qualsiasi punto lo si voglia guardare, il racconto di un sacrificio. Perch tutte le guerre hanno i loro martiri. Vi si narrano le gesta di coloro che, similmente ai soldati alleati che durante la Seconda Guerra Mondiale si sono intrufolati negli u-boot tedeschi per impadronirsi della macchina Enigma, hanno dato la vita per sottrarre all'Impero i progetti della terribile Morte Nera e consentire ai compagni sopravvissuti di distruggerla (come infatti avverr). Soldati semplici, uomini normali, non Jedi, uomini e donne coraggiosi, loro s eroi. Con la trilogia ufficiale saldamente nelle mani di J.J.Abrams, questo primo spin-off viene affidato alle altrettanto salde mani di Gareth Edwards, uno che al secondo film gi stato capace di affrontare Godzilla senza uscirne con le ossa rotte, cosa affatto non di poco conto (chiedere a Emmerich per maggiori delucidazioni). Ripetiamolo: Rogue One essenzialmente la storia di un sacrificio. Pertanto laddove J.J. insuperabile nel giocare con l'epica e il mito, con la nostalgia e il candido stupore del fanciullino difronte al meraviglioso, Edwards drammaticamente umano e tragicamente realistico, affonda la vicenda in una notte quasi perenne falcidiata dalla pioggia che cupezza esistenziale prima che fenomenica, portando in dote a Star Wars il suo ormai gi classico immaginario naturalistico e naturistico che coniuga sci-fi e docu-fiction. Il suo Rogue one 2 ore e 40 di azione serrata, furore rivoluzionario, umanesimo accorato. Il resto affezione che tale in quanto fa parte della vita di ciascuno di noi. Il brivido che proviamo nel sentire le prime note che accompagnano l'entrata in scena di Darth Vader, il piacere che sentiamo nel vedere anche solo di sfuggita R2D2 e C3PO, il tuffo al cuore nell'intravedere uno spiraglio che immetta in uno scenario noto, sono un surplus emotivo che poco ha a che fare con i meriti del film in s. E' la fama che lo precede, l'insieme di ricordi e legami che si porta appresso. Impossibile ormai scindere cuore e cervello. Per esempio, si pu dire una volta per tutte che la maschera di Darth Vader fa schifo? (La recensione del film "Rogue One A Star Wars Story" è di Mirko Nottoli)
- Vai all'archivio delle recensioni
- Lascia un commento, la critica o la tua recensione del film "Rogue One A Star Wars Story":




Torna ai contenuti | Torna al menu