La recensione del film Nemiche per la pelle

.       .

Vai ai contenuti

FILM > RECENSIONI

NEMICHE PER LA PELLE - RECENSIONE

Nemiche per la pelle recensione
Recensione

di R. Gaudiano
[Nemiche per la pelle recensione] - Lucia (Margherita Buy) divorziata da Paolo, e Fabiola (Claudia Gerini) sposata con Paolo, nemiche senza tregua, sono accomunate dall'aver avuto lo stesso marito, per l'appunto Paolo. Purtroppo un giorno le due donne ricevono la notizia che Paolo Ŕ morto in un incidente e le ha lasciate eredi di un impegno alquanto singolare: un bambino di sette anni, di nome Paolo junior (Jasper Cabal), avuto da una sua relazione con una donna cinese, anch'essa purtroppo deceduta. Lucia, amante degli animali, arrendevole, sognatrice, priva di forza caratteriale, Ŕ in perfetta antitesi con Fabiola, forte, dominatrice, affarista e senza scrupoli. Entrambe sicuramente inadeguate ad affrontare il nuovo ed inatteso ruolo di madri educatrici. Mai cosa pi¨ inaspettata poteva capitare a queste due donne litigiose e gelose, che condividere l'esperienza sconvolgente di dover affrontare la cura di un bambino. "Nemiche per la pelle" commedia brillante, mette in scena la contemporaneitÓ, espressa in un'idea di famiglia permeabile, affetti coniugali consumati e rinnovati con nuovi partner, e nuovi possibili modelli di famiglia. La regia di Luca Lucini nel raggiungere l'obiettivo di dare spazio ad una storia che rappresenti la nostra modernitÓ per quel che concerne novitÓ sulla famiglia che emerge, punta sull'efficacia espressiva del rapporto conflittuale tra Lucia e Fabiola, riuscendo a dare alla struttura del film una forma credibile. Il gioco di rivalsa tra le due donne, in cui l'impegno recitativo delle protagoniste Buy-Gerini Ŕ encomiabile, Ŕ il fulcro dell'intero film. Il bambino piombato dal nulla, rappresenta l'elemento catalizzante nella vita di due donne che hanno goduto dello stesso uomo, che si contendono la spettanza della memoria e che hanno avuto da quest'uomo la strana ereditÓ del concretizzarsi di un sentimento materno, edificante e magicamente vitale. Se il soggetto del film, firmato Margherita Buy, Doriana Leondeff e Francesca Manieri, Ŕ alquanto serio, la narrazione scorre gradevole e leggera, intrisa di una comicitÓ mai sopra le righe, che le protagoniste sanno porgere nelle due distinte caratterizzazioni: Fabiola buzzicona greve, ma sempre corretta, e Lucia, perfettina e incapace di assumersi responsabilitÓ concrete. Tuttavia "Nemiche per la pelle" cade in atteggiamenti abusati, prediligendo formalmente una comicitÓ che riflette una certa superficialitÓ nella complessitÓ della scrittura. Lo happy end ne Ŕ una dimostrazione, pur nel suo messaggio positivo che definisce la famiglia, al di lÓ della sua stigmatizzazione biologica, come luogo soprattutto di reciprocitÓ affettiva, di sicurezza emotiva e costruzione di sentimenti solidi. (La recensione del film "Nemiche per la pelle" è di Rosalinda Gaudiano)
- Vai all'archivio delle recensioni
- Lascia un commento, la critica o la tua recensione del film "Nemiche per la pelle":




Torna ai contenuti | Torna al menu