La recensione del film La Voce

.       .

Vai ai contenuti

FILM > RECENSIONI

LA VOCE - RECENSIONE

La Voce recensione
Recensione

di Liliana Pistorio
[La Voce recensione] - Gianni (Rocco Papaleo) Ŕ un abile imitatore, talmente bravo da riuscire a riprodurre perfettamente la voce di qualsiasi persona. Nella vita di tutti i giorni, in realtÓ, Gianni Ŕ un uomo timido e introverso, affetto da un disturbo di personalitÓ che non fa altro che aggravarsi con il trascorrere del tempo. Raggirato dalle parole dello psicanalista (Augusto Zucchi) e dalla promessa di un futuro nel mondo dello spettacolo, incomincia a collaborare con i servizi segreti che gli chiedono di eseguire delle telefonate imitando determinate voci. La sordida rete d'impicci e segreti porterÓ a un terribile finale e il fragile Gianni deciderÓ di suicidarsi. La figlia Giulia (Giulia Greco) non convinta dalla storia del suicidio del padre decide d'investigare e di cercare di capire la veritÓ, aiutata da un amico giornalista (Augusto Fornari). Augusto Zucchi, interprete, regista e sceneggiatore del film (alla seconda prova registica, dopo il film per la tv del 1982 "Le SpecialitÓ della Casa"), confeziona un prodotto originale per quanto riguarda la sceneggiatura: una storia d'intrighi politici che dipinge un'Italia bieca e opportunista. Una storia originale e insolita, anche se priva di veri colpi di scena. A non convincere per˛, Ŕ la resa finale del prodotto. Non tutti gli attori sono perfetti per la parte e questo tende a rendere il film e la recitazione un po' artefatta. Un film che non convince e che poteva magari, risultare vincente con qualche piccola accortezza in pi¨. (La recensione del film "La Voce" è di Liliana Pistorio)
- Vai all'archivio delle recensioni
- Lascia un commento, la critica o la tua recensione del film "La Voce":




Torna ai contenuti | Torna al menu