La recensione del film La sedia della felicitÓ

.       .

Vai ai contenuti

FILM > RECENSIONI

LA SEDIA DELLA FELICITA' - RECENSIONE

La sedia della felicitÓ recensione
Recensione

di Rosalinda Gaudiano
[La sedia della felicitÓ recensione] - L'estetista Bruna (Isabella Ragonese), il tatuatore Dino (Valerio Mastandrea), l'enigmatico padre Weiner (Giuseppe Battiston), si trovano coinvolti in una strana caccia ad una sedia che pare nasconda un tesoro in gioielli appartenuto a Norma Pecche (Katia Ricciarelli), che prima di morire in carcere, ne ha rivelato l'esistenza sia a Bruna sia a padre Weiner. Bruna, Dino e padre Weiner vivono periodi di magra e riuscire a trovare la sedia che custodisce l'ambito scrigno pieno di preziosi rappresenterebbe una svolta per la loro problematica situazione economica. La caccia a questa fantomatica sedia, per i tre simpatici personaggi si rivelerÓ una vera e propria rocambolesca avventura, ricca di sorprese e di colpi di scena. I tre cacciatori, passando per la laguna veneta sino a raggiungere le meravigliose montagne dolomitiche, incontreranno un mago, una medium, una signora con spregiudicate predilezioni sessuali, due fratelli bislacchi ed un enorme orso, insieme a mandrie di vacche. Ambientato nel nordest, "La sedia della felicitÓ" Ŕ l'ultimo film di Carlo Mazzacurati. E' un racconto dolce-amaro, una fotografia nitida di un'umanitÓ orientata verso un senso di perdita di quelle sicurezze importanti che danno una struttura solida al quotidiano. Mazzacurati pone lo sguardo sulla societÓ veneta, che come il resto dell'Italia, attraversa momenti preoccupanti di crisi economica. In parallelo i personaggi chiave del film sono caratterizzati da una forza vitale positiva e necessaria per compiere il riscatto della propria esistenza. Bruna e Dino, inconsapevoli delle innumerevoli e sconcertanti sorprese che affronteranno durante la loro sfrenata caccia all'agognata sedia, travolti da circostanze casuali, si scopriranno con un cuore che ancora palpita e con la voglia di ricostruire un sentimento bello ed importante come l'amore. Anche in "La sedia della felicitÓ", Mazzacurati ha saputo sviluppare un proprio discorso, in cui intimismo e crepuscolarismo, non privi di spunti comici e sentimentali, si coniugano con uno sguardo sul reale che pare non abbia dimenticato la predilezione al neorealismo. Con uno stile che resta affezionato ad una poetica sobria, intrisa di comicitÓ autentica e realista, il cineasta scomparso saluta il mondo del cinema con una commedia carica di sano e buon umorismo. Alla fine, non vogliamo quasi credere alla consapevolezza che non godremo pi¨ del cinema di Carlo Mazzacurati, regista di film come "La passione", "L'amore ritrovato", i documentari "Ritratti", "Vesna va veloce" ed altri, tanto cari ad un pubblico attento ed affezionato. Valerio Mastandrea non smentisce la sua naturale versatilitÓ comico-grottesca, riuscendo con la altrettanto brava Isabella Ragonese a rendere la coppia di cacciatori perfettamente credibile. La fotografia di Luca Bigazzi completa l'opera in maniera egregia. (La recensione del film "La sedia della felicitÓ" è di Rosalinda Gaudiano)
- Vai all'archivio delle recensioni
- Lascia un commento, la critica o la tua recensione del film "La sedia della felicitÓ":




Torna ai contenuti | Torna al menu