La recensione del film L'Armata Brancaleone di Mario Monicelli

.       .

Vai ai contenuti

IERI OGGI E...

Trama

L'ARMATA BRANCALEONE di M. Monicelli

L'Armata Brancaleone Recensione
Un pugno di sbandati che dovrebbero formare una compagnia di ventura, guidati da Brancaleone da Norcia (Gassmann) e dall'ebreo Abacuc (Pisacane), partono da Faleri per prendere possesso del feudo di Aurocastro nelle Puglie: dopo mille traversie e avventure (la peste, le voglie di una vedova impaziente, il salvataggio di una vergine dai briganti, l'assalto dei pirati saraceni), l'armata riuscurÓ a salvarsi solo seguendo Zenone il Santone (Salerno) in Terra Santa.
Idea Centrale
Intelligente e originale ricostruzione nazionalpopolare di un pezzo di storia italiana, in chiara polemica con la visione hollywoodiana del Medioevo.
Analisi
Scritto dal regista con Age (Agenore Incrocci) e Scarpelli (con un occhio alla "Sfida del Samurai " di Kurosawa per il trucco e l'armatura di Gassman, ma anche al Cottafavi dei "Cento Cavalieri" per la parabola "brechtiana" e la Malerba di "Donne e Soldati", oltre che a tutta la tradizione picaresca, da Pulci a Cervantes), terzo per incassi nella stagione, volutamente "sgangherato" nella sua struttura ma pirotecnico nelle trovate (la lingua postlatina-viterbese, i costumi di Piero Gherardi, i colori di Carlo De Palma, la musica di Carlo Rustichelli, i titoli animati di testa e di coda di Gianni e Luzzati, Ŕ una delle punte pi¨ alte del cinema popolare italiano, un autentico capolavoro di fantasia e avventure farsesche.
Note e curiositÓ
Seguito, nel 1970, da "Brancaleone alle Crociate". (Da "Il Mereghetti")


Torna ai contenuti | Torna al menu