La recensione del film Free Birds

.       .

Vai ai contenuti

FILM > RECENSIONI

FREE BIRDS - RECENSIONE

Free Birds recensione
Recensione

di Francesca Cantore
[Free Birds recensione] - A dimostrazione di quanto la fantasia degli italiani sia sorprendente, dopo tredici anni dal pluripremiato Galline in fuga (Chicken Run), esce nelle sale Tacchini in fuga (Free Birds). ╚ presto detto, questa volta la missione dei volatili Ŕ tornare indietro nel tempo al lontano 1621, quando i Padri Pellegrini istituirono il Thanksgiving Day, decidendo che il tacchino sarebbe stato la portata principale, e cambiare il corso degli eventi. Ma la carenza di estro, purtroppo, non Ŕ da attribuire solo ai poveri traduttori italiani. A ben vedere, le somiglianze tra Free Birds e Chicken Run vanno molto al di lÓ del titolo. Due missioni, due storie d'amore e, inevitabilmente, due lieti fine: lý galline, qui tacchini; lý i pasticci di pollo, un po' burtoniani, della signora Tweedy, qui il tacchino arrosto del Giorno del Ringraziamento. Il vero e solo scarto tra le due pellicole Ŕ la trovata, in Free Birds, della macchina del tempo che riporta i protagonisti agli albori della loro primigenia sciagura. I protagonisti maschili sono due: Reggie e Jake, infinitamente diversi tra loro. Reggie Ŕ un tacchino da allevamento e veste i panni del brutto anatroccolo incompreso: Ŕ sempre stato diverso, sia per il colore delle penne che per l'intelligenza mediamente superiore ai suoi simili. Jake, invece, Ŕ un tacchino cresciuto in libertÓ, che non si pu˛ dire certo brilli per astuzia. ╚ il fondatore (e unico membro) del Fronte per la liberazione dei tacchini e vero motore primo della missione. ╚ lui che si mette alla ricerca di Reggie e lo coinvolge in quest'avventura, infiltrandosi in un laboratorio governativo segreto per rubare la macchina del tempo. Approdati nel loro passato remoto, i due eroi incontrano una comunitÓ indigena di tacchini pacifisti, occupati a difendersi dagli attacchi dei coloni. Tra loro, Jenny, una sveglia tacchinella figlia del saggio capo della trib¨, che nella seconda parte prenderÓ il controllo della situazione. Tra Reggie e Jenny (curiosa consonanza) scatta l'amore, con tanto di bacio e happy ending che corona la loro storia. SarÓ un caso che anche in Galline in fuga a capo della missione ci sia proprio un personaggio femminile che si innamora di un ruspante galletto? Le coincidenze sono troppe e insopportabili, ma al di lÓ di questo, se anche fosse stata un'opera originale, il film (primo lungometraggio della Reel Fx di Dallas) non avrebbe potuto reggere il confronto con i capolavori a cui la Disney-Pixar ci ha abituati negli ultimi anni (Up, Wall-e, Toy Story, solo per fare alcuni illustri esempi). (La recensione del film "Free Birds" è di Francesca Cantore)
- Vai all'archivio delle recensioni
- Lascia un commento, la critica o la tua recensione del film "Free Birds":




Torna ai contenuti | Torna al menu