La recensione del film E.T. l'Extraterrestre di Steven Spielberg

.       .

Vai ai contenuti

IERI OGGI E...

Trama

E.T. l'EXTRATERRESTRE di S. Spielberg

E.T. l'Extraterrestre Recensione
Elliott, bambino di dieci anni alle prese con qualche disagio familiare, trova un extra terrestre che Ŕ stato abbandonato sulla Terra. I due diverranno amici, ma la curiositÓ e la prepotenza di scienziati, poliziotti, politici, che vogliono 'studiare' E.T. non curandosi della sua struggente nostalgia di casa e del suo affetto per Elliott, rischiano di causare danni irreparabili. Quando ormai pare che E.T. stia per morire, Elliott e i suoi giovanissimi amici riescono a sottrarlo alla polizia e, dopo una vertiginosa corsa in bicicletta, lo conducono all'astronave che lo riporterÓ a casa.
Idea Centrale
Solo contando nella purezza di cuore dei bambini si pu˛ continuare a sperare in un futuro pi¨ roseo.
Analisi
Un film spettacolare e coinvolgente, perfettamente sintonizzato sull'elemento fantastico e melodrammatico. Una materia che poteva facilmente sfuggire di mano diviene nelle mani di Spielberg una favola morale di straordinaria suggestione, un film lirico e commovente mai retorico, stilisticamente prezioso. Il tono di commedia dei primi minuti Ŕ tagliato improvvisamente da inserti di alta drammaticitÓ, dove la purezza infantile minacciata dall'insensibilitÓ violenta degli adulti Ŕ resa con una carica emotiva toccante eppure sempre controllata. E la sequenza della fuga e del volo in bicicletta finale resta uno dei momenti cinematograficamente pi¨ emozionanti della filmografia recente.(da "Registi- I maestri del cinema e 101 film culto" di Mario Tedeschi Turco)
Note e curiositÓ
Molto del successo del film Ŕ dovuto alla simpatia che ispira istintivamente il personaggio dell'extra terrestre, disegnato e costruito da Carlo Rambaldi (e fatto muovere, in alcune scene, da un nano nascosto al suo interno). Solo tre Oscar: miglior colonna sonora, effetti visivi, effetti sonori speciali.


Torna ai contenuti | Torna al menu