Cinema4Stelle

.       .

Vai ai contenuti

La goccia maledetta (The cursed drop) di Emanuele Pecoraro conquista Los Angeles

 

Buone notizie per il cinema italiano: ogni tanto qualche nostro lavoro riesce ad imporsi fuori dai confini nazionali. In questo caso si tratta di un cortometraggio diretto dal regista Emanuele Pecoraro, dall’accattivante titolo La goccia maledetta (The cursed drop). La storia di un inquietante triangolo amoroso, tra sesso sfrenato, dramma, violenza e… morte. Filo conduttore della trama l’incessante battere di una fastidiosissima goccia che si insinua strisciando nell’orecchio dei protagonisti e del pubblico, senza soluzione di continuità, fino a “scavare” letteralmente dentro il cervello, oltre ogni sopportabile limite. Interpreti la bellissima e brava Nadia Bengala, l’affascinante Lorenzo Lepori, noto più che altro come regista di film horror indipendenti, e la splendida Francesca Anastasi, dal volto intenso e dal fisico prorompente. Il soggetto è tratto dal racconto La goccia dello scrittore noir anconetano Roberto Ricci, contenuto nel volume Nero corvino, pubblicato da Mezzelane Editrice. Lo script è invece opera di Lorenzo De Luca (sceneggiatore di numerosi film campione di incasso con Boldi e De Sica e di altri con Bud Spencer) e di Pierfrancesco Campanella (regista di gialli di culto come Bugie rosse e Cattive inclinazioni). Quest’ultimo è anche il produttore esecutivo de La goccia maledetta, mentre la produzione è la Mediterranea Productions di Angelo Bassi. Fotografia di Sacha Rossi, suono e montaggio di Marco Pagliarin, art-director Laura Camia, make-up di Giovanna Carchia, mixage di Gianfranco Tortora, color correction di Sebastiano Greco. L’arredo di scena e l’opera pittorica presente nei titoli sono invece dovuti alla creatività dell’artista lucano Mario D’Imperio, che ha già dato il suo contributo in altri lavori cinematografici. Particolarmente apprezzata dal pubblico americano la soundtrack, opera del noto ingegnere forense Paolo Reale, che tutti gli appassionati di cronaca nera conoscono per i suoi interventi tecnici in trasmissioni come Quarto grado e La vita in diretta. L’incalzante ed incisivo commento sonoro opera di Reale, che in passato ha fatto parte di diversi gruppi musicali, lo si può considerare il valore aggiunto dell’opera di Pecoraro. “Sono molto felice di questo prestigiosissimo riconoscimento – ha sottolineato il regista – poiché vincere Oltreoceano non è cosa comune. Oltretutto questo è il secondo trionfo a livello internazionale, dopo la vittoria al Festival di Siviglia.”. Da sottolineare che il giovane Emanuele Pecoraro nel suo curriculum vanta la direzione di Solitudini pericolose, un corto che a suo tempo ha suscitato molto scandalo, ma ha anche conquistato una valanga di premi e riconoscimenti. Dopo l’affermazione all’Hollywood Blood Horror Festival, La goccia maledetta è ora conteso dalle maggiori rassegne cinematografiche italiane. Vedi il trailer: https://www.youtube.com/watch?v=3-q8eKQ6jQk



GREENLAND: IL NUOVO FILM CON GERARD BUTLER DAL 1 OTTOBRE AL CINEMA

 

Gerard Butler di nuovo alle prese con il peggiore dei nemici: la fine del mondo. L’attore torna a lavorare con il regista Ric Roman Waugh dopo il successo di Attacco al potere 3, in un disaster movie ad alta tensione, dal ritmo adrenalinico e con spettacolari effetti speciali dagli stessi produttori di John Wick.
Per l'umanità sta per scoccare l'ultima ora a causa di un cataclisma naturale, Gerard Butler veste i panni di un uomo che, se salvare il mondo è ormai diventato impossibile, tenterà il tutto per tutto per salvare la sua famiglia. La minaccia di una cometa distruttrice si abbatte contro l’umanità e John (Gerard Butler), insieme all’ex moglie Allison (Morena Baccarin) e al giovane figlio Nathan, compiranno un viaggio impossibile e pieno di insidie nel tentativo di mettersi in salvo. Mentre diverse città in tutto il mondo sono rase al suolo dai frammenti della cometa e il conto alla rovescia per l’apocalisse globale si avvicina allo zero, la loro ultima possibilità è un volo disperato verso un possibile rifugio sicuro.



DA GIOVEDI' 17/09 AL CINEMA "GAUGUIN" CON VINCENT CASSEL

 

Dal 17 settembre arriva al cinema Gauguin il film di Edouard Deluc con protagonista Vincent Cassel distribuito da Draka Distribution in collaborazione con Conform e Prism Consulting. Gauguin è una grande produzione francese tratta dal racconto illustrato Noa Noa: The Tahiti Journal of Paul Gauguin sul maestro del post-impressionismo, interpretato da un vibrante Vincent Cassel. 1891. Gauguin lascia la Francia alla ricerca di nuovi stimoli per la sua pittura, di nuovi paesaggi e suggestioni che valga davvero la pena dipingere; vuole vivere libero, lontano dai codici morali, politici ed estetici della vecchia Europa. Si perde nella giungla e nella natura primitiva di Tahiti, sfidando la solitudine, la povertà, la malattia. Qui incontra Téhura, una giovane del luogo che diventerà sua moglie e la musa che ispirerà i suoi capolavori. Nel cast, accanto a Cassel, Tuheï Adams, Malik Zidi, Pua-Taï Hikutini e Pernille Bergendorff. Come racconta il regista Edouard Deluc: “Il film nasce dalla mia scoperta di "Noa Noa", il racconto illustrato che Gauguin produsse nel suo primo soggiorno a Tahiti dal 1891 al 1893. È un'opera letteraria di grande poesia, un racconto di avventure con un tocco di romanticismo mozzafiato. È una sorta di diario privato, scritto con grande umanità, sulle sue esperienze tahitiane, in cui combina racconti, impressioni, pensieri, questioni politiche, questioni artistiche, schizzi e acquerelli. E’ una sorta di sontuosa dichiarazione d'amore per Tahiti, per i tahitiani e per la sua Eva tahitiana. Nel 2012 sono tornato a "Noa Noa", poi a tutti gli altri scritti di Gauguin e alla corrispondenza con sua moglie e gli amici. Da tutto quel materiale è emerso il profilo di un personaggio visionario e stimolante, che ha abbracciato la modernità mettendola continuamente in discussione”. Gauguin è scritto da Edouard Deluc, Etienne Comar, Thomas Lilti e Sarah Kaminsky, diretto da Edouard Deluc, prodotto da Bruno Levy, una produzione Movemovie, Studiocanal, Njjentertainment.



INIZIO RIPRESE "EL NIDO" DI MATTIA TEMPONI CON LUCIANO CACERES E BLU YOSHIMI

 

Sono iniziate oggi a Roma le riprese del film EL NIDO, opera prima di Mattia Temponi. Il film è una coproduzione italo-argentina, ed è prodotto da Alba Produzioni per l’Italia, 3C Films Group e Productora MG per l’Argentina, in collaborazione con il MIBACT, Lazio International e il sostegno del programma Ibermedia. Le riprese avranno una durata di 5 settimane e si svolgeranno per la quasi totalità delle riprese in teatro di posa presso Videa Stuidos (Rm). EL NIDO è un horror psicologico, che utilizza un genere popolare per mostrarci le distorsioni del nostro mondo. Una riflessione attorno alla nostra contemporaneità e a certe alienazioni dei rapporti umani. Il film, interpretato da Luciano Caceres (Gato Negro) e Blu Yoshimi (Piuma), è un racconto a più livelli, ricco di colpi di scena, climax e tensioni, sullo sfondo un mondo di finzione immersivo e credibile dove prendono vita personaggi tridimensionali. Dentro un “EL NIDO”, un rifugio moderno e accogliente, due sconosciuti si incontrano…SARA (Blu Yoshimi): una ragazza problematica e di buona famiglia. IVAN (Luciano Caceres): un uomo all’apparenza anonimo e innocuo, ma che nasconde un passato oscuro. Sono al sicuro e protetti dal mondo esterno, però la ragazza è stata infettata e si sta lentamente trasformando in un mostro. Ma invece di ucciderla, IVAN decide che proverà a curare SARA. Così comincia la loro discesa in una spirale di manipolazione e inganni.



Vincitori Mediterraneo Video Festival

 

Ascea (SA) - È giunta al termine la XXIII edizione del Mediterraneo Video Festival. Un'edizione speciale, con una giornata interamente dedicata al cinema e fruibile in streaming dal pubblico e quattro serate sia live che in streaming in cui si sono alternati eventi e film in concorso. La serata conclusiva è cominciata con la proiezione delle fotografie di Stephanie Gengotti ispirate alle ambientazioni di Federico Fellini, di cui quest'anno ricorre il centenario dalla nascita. Dopo la visione dell'ultimo film in concorso, Awlad di Ane Irazabal e Cosimo Caridi, abbiamo finalmente conosciuto i nomi dei vincitori ufficiali di quest'anno. La giuria composta da Stephanie Gengotti, Carmelo Nicotra e Simona Iucci ha assegnato una menzione speciale proprio ad Awlad; secondo posto invece per Monsieur Pigeon di Antonio Prata, mentre il premio come miglior film è andato a Dima Punk di Dominique Caubet. A votare è stata anche la Giuria Giovani, composta dagli alunni del liceo scientifico Da Vinci di Vallo della Lucania (SA), che ha scelto il vincitore nella categoria Scuole di Cinema, un riconoscimento che ogni anno il festival assegna ad un giovane regista: il premio è andato al film La Eminencia di Clara Roca e Carlota Coronado. Dopo le premiazioni, lo Zero Project Duo, composto da Biagio Francia e Corrado Marciano, si è esibito in una performance musicale, sempre in omaggio a Fellini. Il Mediterraneo Video Festival in questa edizione ha dimostrato tutta la sua forza: una rassegna "resistente", che non si lascia contaminare da mode passeggere, e, con determinazione, ogni anno porta nel cuore del Cilento il racconto sincero del paesaggio Mediterraneo e dei suoi protagonisti. E che anche quest'anno, nonostante le complessità derivate dal momento storico che stiamo vivendo, non ha mancato al suo appuntamento con il pubblico.



 


Torna ai contenuti | Torna al menu