La recensione del film Arancia Meccanica di Stanley Kubrick

.       .

Vai ai contenuti

IERI OGGI E...

Trama

ARANCIA MECCANICA di Stanley Kubrick

Arancia Meccanica Recensione
A Londra, in un prossimo futuro, vive Alex (McDowell), un teppista innamorato della musica di Beethoven (che lui chiama amichevolmente Ludovicovan) e dei serpenti. Comanda una piccola banda con la quale scorrazza per le strade picchiando la gente, violentando le donne e ingaggiando battaglie con le bande rivali. Una sera, penetrato in una casa privata, uccide una signora. I suoi amici lo lasciano ed Alex viene arrestato dalla polizia. Al posto della prigione sceglie di essere sottoposto ad un ondizionamento psicologico, una specie di riprogrammazione mentale che inibisce ogni pulsione di violenza. Tornato in libertÓ ed incapace di reagire, Ŕ in balýa delle aggressioni degli altri. Prima delle elezioni politiche il partito all'opposizione fa forza sul "caso Alex" per condannare quei metodi di cura. Il ragazzo viene sottoposto ad una controcura e riprenderÓ a violentare ed ad uccidere, ma questa volta protetto dalle autoritÓ.
Idea Centrale
La libertÓ di scelta all'interno di un sistema politico strutturato in leggi ed abitudini. Fino a che punto il potere politico pu˛ condizionare la libertÓ individuale in nome della sicurezza collettiva? Fino a che punto un individuo pu˛ trasgredire alle regole? SarÓ il problema del futuro: gli istinti antisociali in esseri ancora "primitivi".
Analisi
Le scene di violenza, di una crudezza estrema, sono sempre necessarie, mai gratuite o fine a se stesse e sono commentate, nel sottofondo, dalle arie di Rossini e di Beethoven. L'estrema violenza delle azioni e la descrizione del personaggio come "eroe" negativo, attirarono sul film critiche di "fascismo latente".
Note e curiositÓ
II pi¨ controverso film degli anni 70 Ŕ ambientato in un futuro imprecisato, ma la critica dell'epoca riconobbe in esso una feroce requisitoria contro la societÓ contemporanea. (da "201 film capolavoro secondo la critica" di Gaetano Sandri)


Torna ai contenuti | Torna al menu